GOLFO DI NAPOLI

Guida GOLFO DI NAPOLI

Il Golfo di Napoli è un’insenatura nel mar Tirreno formata da due penisole, Flegrea a nord-ovest e Sorrentina a sud e che comprende anche alcune isole, tra cui le isole dell’Arcipelago Campano, le maggiori sono Ischia, Procida e Capri.

Alcuni ritrovamenti, tra cui quello di un carico navale di ossidiana naufragato circa 5000 anni fa, testimoniano che il Golfo di Napoli era già abitato in epoca neolitica. Insediamenti come Pompei, Ercolano e Stabia ci ricordano come in epoca romana, quest’area del Golfo di Napoli visse un periodo di grande fermento culturale, politico ed economico, ed anche le isole dell’Arcipelago Campano furono terra di approdo di numero si studiosi, letterati e politici dell’epoca. Con la fine dell’Impero Romano tutto il territorio divenne Impero Bizantino e successivamente qui si ebbe la nascita del Ducato di Napoli, che, grazie al movimento commerciale ed economico dei porti del golfo, riuscì a sopravvivere alle pressioni dei Longobardi. Nel 1100 il Ducato di Napoli fu annesso al Regno di Sicilia e le sue vicissitudini storiche ed economiche furono strettamente legate alla storia di Napoli.

Il Golfo di Napoli rappresenta una delle mete turistiche italiane più amate ed ambite: bellezze naturali, siti archeologici, monumenti artistici, clima mite, spiagge e baie e grande tradizione culinaria lo rendono da sempre un luogo affascinante e che attira ogni tipologia di visitatore. L’arcipelago Campano che si trova ai margini del Golfo include cinque isole: Ischia, Capri, Procida, Vivara e Nisida. Ci sono poi isolette minori, tra cui i faraglioni di Capri, chiamati “di terra”, “di mezzo” e “di fuori”.

Tanti sono miti e leggende che accompagnano la storia delle isole; in epoca classica le isole erano chiamate Pithecussae - isola delle scimmie, in quanto il mito racconta che due briganti avendo deriso Zeus, furono puniti da Zeus stesso e trasformati in scimmie e abbandonati sulle isole di Ischia e Procida.

Guide viaggio correlate