NetFerry ti racconta un po' di Sicilia: l'isola dell'incontro

Palermo cattedrale

La Sicilia è un'isola affascinante. Ha una storia complicata, che è evidente nella sua cultura e nell'architettura. Oggi viviamo in un mondo globalizzato, ma la Sicilia è sempre stata un'isola globale e un hub in cui l'Oriente incontra l'Occidente e l'Europa incontra il Sud del mondo.. L'elenco di invasori e conquistatori della Sicilia annovera popolazioni di ogni provenienza: fenici, cartaginesi, greci, romani, arabi, bizantini, spagnoli e normanni. Ma le tre principali influenze provengono dai Sicani del Nord Africa, i Siculi dal Lazio (Italia) e gli Elisiani dalla Grecia.

Nel VI secolo a.C., i Greci conquistarono l'isola. Nel VIII secolo a.C., i Cartaginesi arrivarono dal Nord Africa, formando una divisione culturale sull'isola e nelle due principali città, Palermo a nord-ovest e Catania a est-est, in lotta per il dominio. Tuttavia, gli arabi furono i primi a stabilire il commercio, l'agricoltura e le miniere in Sicilia, svilupparono l'isola e ne fecero un interessante punto di riferimento per tutta Europa. I Normanni, che si formarono in Francia da un gruppo di coloni vichinghi, colsero l’occasione di invadere l’Isola nel 1061 e fecero di Palermo il centro del loro impero in crescita. Successivamente divenne una delle città più grandi d'Europa.

Durante il dominio normanno, il re Ruggero si godeva la cultura ibrida arabo-normanna in Sicilia, con un’architettura ricca e ostentata anche negli harem!! Ma dopo 400 anni di piacere e potere, questa occupazione normanna terminò e il regno passò alla casa tedesca degli Hohenstaufen. Nei secoli seguenti, la Sicilia passò dagli imperatori del Sacro Romano Impero, gli angioini (francesi), gli aragonesi (spagnoli) e gli austriaci. Questo periodo, caratterizzato da tumulti sanguinosi, seguì fino a quando i Borboni, dalla Sicilia, arrivarono e unirono la Sicilia con Napoli. L'isola divenne parte del Regno delle Due Sicilie nel 1734.

Poi, meno di un secolo dopo, nel 1860, Giuseppe Garibaldi progettò la drammatica unificazione dell'Italia quando arrivò a Marsala in Sicilia da Genova, nel nord Italia. Una volta sconfitti i Borboni e Garibaldi unificò il nord con le regioni meridionali, tra cui Calabria e Puglia, il sud ne soffrì. I nuovi accordi finanziari andarono a beneficio economico del nord e furono controllati dalla Casa Savoia, con sede in Piemonte. La Sicilia e le altre regioni meridionali non sono riuscite a raccogliere i profitti dell'unificazione e questa disparità economica è ancora evidente oggi.

Nel corso del tempo la Sicilia ha compiuto progressi significativi in ambito politico e la battaglia contro la mafia ha probabilmente raggiunto il suo apice negli anni '90, quando si sono verificati molti casi giudiziari di alto profilo.

La sua ricca storia cosmopolita, la splendida architettura, il clima umano quasi perfetto e la tradizione culinaria, tra le migliori diete in Europa, rendono queste località socialmente preziose e culturalmente preziose. La Sicilia è stata uno dei primi luoghi in cui sono state esposte le influenze positive del multiculturalismo e della globalizzazione.

Traghetti per la Sicilia

Esistono vari traghetti per la Sicilia in partenza da tutta Europa. Su NetFerry puoi acquistare facilmente il tuo biglietto nave da e per la Sicilia e conoscere tutte le promozioni in vigore per i residenti e per chi ama visitare questa terra meravigliosa! Visita il nostro sito Web per tutte le informazioni su orari di arrivo e partenza, sistemazione a bordo e prezzi dei biglietti.

NetFerry: ti connette con l'Europa

Categorie blog: 
Sara Fanelli